Bambino di 10 anni colpito durante battuta di caccia: è in rianimazione

Il bambino si trovava a caccia con suo papà quando è stato colpito al volto da un proiettile sparato da un altro cacciatore che lo ha preso al volto e ad una spalla

Un bambino di 10 anni è ricoverato in rianimazione in prognosi riservata all'ospedale materno infantile Salesi di Ancona, dopo essere stato raggiunto dai piombini di un proiettile da caccia. Lo riferiscono alcuni media locali. Le sue condizioni sono gravi. Il fatto è avvenuto a Osimo (Ancona). E' stati trasportato all'ospedale dal padre in auto. Ancora da chiarire la dinamica del fatto, ma sembra che il proiettile abbia colpito un muro e il bambino sia stato investito dai pallini di rimbalzo. Secondo quanto risulta all'ANSA ha ferite al viso, ad una spalla, ad un mano e sul collo, due pallini lo hanno raggiunto al cranio e sono questi a destare le maggiori preoccupazioni, perché debbono essere rimossi il prima possibile.Ne da notizia Ansa.

Il proiettile è rimbalzato su di un muretto ed ha colpito il povero bambino

Il fatto è avvenuto ad Osimo, a quanto riportato anche da IlGiornale, durante una battuta di caccia domenicale. Il proiettile, esploso da un cacciatore contro un muretto è rimbalzato sul volto e sulla spalla del bambino. Il padre, che era presente, lo ha immediatamente afferrato e trasportato in auto. Poi la corsa in macchina verso l'ospedale nel tardo pomeriggio dove il bambino è stato mandato in rianimazione pediatrica all'ospedale Salesi di Ancona.

È stato richiesto, si apprende dal Resto del Carlino, un consulto al chirurgo Marco Messi esperto di Maxillo Facciale di Torrette per un'eventuale ricostruzione. Allertato anche il direttore di chirurgia pediatrica Ascanio Martino.

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Maria (lunedì, 29 ottobre 2018 13:45)

    Il Signore ama I piccoli fanciulli lasciete che corrono da lui